Facebook icon

ASTI – GIORNATA DELLA MEMORIA 2015

La Federazione del Nastro Azzurro di Asti ha preso parte alle celebrazioni della “Giornata della Memoria” organizzate dalla Prefettura di Asti e tenutesi presso il Polo Universitario astigiano (UNI – ASTISS). Nella prestigiosa cornice offerta dalle massime autorità civili e militari territoriali e da moltissimi studenti dei principali istituti scolastici della città, sono stati insigniti, alla memoria, della Medaglia d’Onore della Presidenza della Repubblica, i deportati: Aldo Belloni; Edgardo Cravera; Riccardo Odore.

La Medaglia del Centenario

Come già noto, per celebrare il centenario dello scoppio della Prima Guerra Mondiale sul fronte italiano, l'ISTITUTO DEL NASTRO AZZURRO ha emesso una medaglia d'arte numerata e firmata dall’autore con relativo

La scomparsa dell'Amm. Guido Natale

Scomparsa del C.Amm. r.o. Guido Natale

Con grande tristezza comunichiamo la scomparsa del C.Amm. Guido Natale. Iscritto all’Istituto del Nastro Azzurro dal gennaio 1960, è stato eletto Presidente della Federazione di Pescara nel 1995 e Consigliere Nazionale nel 1997, cariche che ha ricoperto con passione e dedizione fino all’8/11/2014 . Dal 2004 al 2006 ha rivestito anche la carica di Vice Presidente Nazionale. Il 7 dicembre 2013 gli è stata conferita la carica di Vice Presidente Nazionale Onorario dell’Istituto.
La Federazione di Pescara.

27 gennaio "Giorno della Memoria"

Sabato 17 gennaio 2015, alle ore 11, nell’ambito delle celebrazioni del "Giorno della Memoria", presso la Sala mostre del Museo del Risorgimento e della Resistenza, in collaborazione con l’Archivio di Stato di Ferrara, la Federazione ferrarese dell’Istituto del Nastro Azzurro e con l’ANPI provinciale, sarà inaugurata la mostra “William Ferrari: un marinaio tra guerra e deportazione ed altri volti di ex IMI ferraresi”. che sarà visitabile fino all'8 febbraio.
La mostra ripercorre la storia di un giovane come tanti, di un ferrarese e di un italiano che, dopo un’infanzia e una prima giovinezza serene, è costretto a vivere quei tempi nell’interezza della loro drammaticità.
Nella stessa occasione verrà presentato, dal Colonnello Claudio Baldini Presidente della Federazione ferrarese dell’Istituto del Nastro Azzurro che lo ha stampato, il lavoro di Gian Paolo Bertelli “Gli internati militari italiani (IMI) della Provincia di Ferrara deceduti in prigionia”.
La pubblicazione, in base ai dati forniti dal Ministero della Difesa, riporta il numero degli Internati Militari del territorio ferrarese morti nei territori del Reich durante la detenzione e, soprattutto, vuol ricordare ed onorare i loro nomi.
La presentazione si avvarrà di diapositive che mostreranno anche i volti di alcuni degli I.M.I. ferraresi che pagarono con la vita la loro ferma decisione di dire “NO” al fascismo ed al nazismo.

27 gennaio "GIORNO DELLA MEMORIA"

Giacere sul fondo

Sarajevo 1914: Pace infranta, Europa in fiamme

Il Comitato Scientifico Maggiore “Nino Sebastiano Bedendo”, ovvero Centro Polesano Studi Grande Guerra e Conflitti Contemporanei, in armonia con le iniziative culturali nella ricorrenza del centenario dell’inizio della Grande Guerra, ha potuto realizzare, sabato 15 Novembre, presso la meravigliosa villa Palladiana “Villa Badoer” di Fratta Polesine (RO), il convegno dal titolo “Sarajevo 1914: pace infranta, Europa in Fiamme”.

La Bandiera Italiana

Il tricolore italiano quale bandiera nazionale nasce a Reggio Emilia il 7 gennaio 1797, quando il Parlamento della Repubblica Cispadana, su proposta del deputato Giuseppe Compagnoni, decreta "che si renda universale lo Stendardo o Bandiera Cispadana di Tre Colori Verde, Bianco, e Rosso, e che questi tre Colori si usino anche nella Coccarda Cispadana, la quale debba portarsi da tutti". Ma perché proprio questi tre colori?

Esercito Italiano: attività 2014

Sono stati oltre 7000 gli uomini e donne dell’Esercito impegnati nel corso del 2014 in Italia e all’estero.

Aeronautica Militare: attività 2014

​​Gli interventi di soccorso aereo di questi giorni al traghetto Norman Atlantic e alle navi cargo di migranti nel Mar Adriatico sono solo le ultime di una lunga serie di operazioni aeree che nel corso del 2014 hanno caratterizzato l’impegno degli uomini e

Pagine